Loading...
Acqua

Inquinamento da PFAS

Un altro caso di inquinamento, anzi, per meglio dire, di scandalo inquinamento.

Infatti l’inquinamento dell’acqua è una cosa, mentre il fatto che sia trovato prima, e che sia portato di pubblico dominio poi, sono cose ben differenti.

Di fatto è ben difficile garantire il non-inquinamento delle acque.

Ma vediamo questo caso specifico. Cito dal sito

https://www.vicenzareport.it/2018/09/pfas-acqua-bene-di-tutti-o-mezzo-per-fare-profitto/

in data 9/9/2018

“Sono ormai trascorsi cinque anni – sottolineano Guarda e Zanoni, consiglieri della Regione Veneto – dalla comunicazione sulla presenza di Pfas negli acquedotti e dall’identificazione della contaminazione…”

Due osservazioni su questa breve frase.

Una sui tempi. Cinque anni dalla scoperta della contaminazione; ma… da quanti anni già c’era, in precedenza? In altre parole, per quanti anni la gente si è intossicata utilizzando l’acqua di rete, senza che nessuno lo sapesse?

Un’altra osservazione sulla sostanza. I PFAS sono una famiglia di composti chimici complessi, i perfluorati, usati prevalentemente in campo industriale. Si usano per rendere resistenti ai grassi e all’acqua vari materiali come tessuti, tappeti, carta, rivestimenti per contenitori di alimenti. E ancora per rivestire padelle antiaderenti e nella produzione di abbigliamento tecnico.

i Pfas possono penetrare nelle falde acquifere e, attraverso l’acqua, raggiungere i campi e i prodotti agricoli e dunque gli alimenti. Diventano così tossici non solo per l’uomo, ma anche per tutti gli organismi viventi. Se presenti nell’aria, lentamente ricadono sul suolo in un tempo stimato di giorni o settimane.

Tra le possibili e diverse vie di assorbimento da parte dell’organismo umano, la via orale, tramite consumo di acqua potabile ed alimenti, è quella più significativa per la popolazione in generale.

I Pfas tendono a rimanere a lungo nell’organismo, anche per molti anni. Infatti si tratta di sostanze create apposta per essere resistenti. Si ritiene che i Pfas intervengano sul sistema endocrino, compromettendo crescita e fertilità, e che siano sostanze cancerogene. Ancora, i ricercatori sostengono relazione di queste sostanze con lo sviluppo di malattie tiroidee, ipertensione gravidica e coliti ulcerose, si ipotizza inoltre relazione con le patologie fetali.

Testo e immagine tratte da

https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/28527-pfas-cosa-sono-dove-perche

Articoli correlati:

Inquinamento: quali effetti?

Inquinamento: quali effetti? -2-

One comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scelto dall'autore