Loading...
Acqua

Inquinamento e salute

Guerra alla plastica!

È ormai partita l’esperienza di Ocean Cleanup, la rivoluzionaria invenzione che rimuoverà i rifiuti di plastica dagli oceani, destinandoli al riciclo; e qui da noi una altrettanto lodevole iniziativa è partita dal ministro dell’ambiente Sergio Costa, per eliminare la plastica monouso dalle sedi istituzionali.

Quindi partendo dal Parlamento, per dare l’esempio, continuando con sedi di regioni, province e comuni, per poi arrivare attraverso i consorzi alla raccolta, al recupero e al riciclo dei vari materiali.

Stiamo parlando quindi non solo della plastica, ma anche di vetro, carta, alluminio, acciaio, legno, oli minerali usati e così via.

Cosa dire? Era l’ora!

Non possiamo assolutamente continuare ad inquinare l’ambiente. Il motivo è assolutamente ovvio: inquinare è un suicidio collettivo.

E purtroppo l’inquinamento è una realtà molto più grave, e molto più diffusa di quello che sia mediamente percepito dall’opinione pubblica. Infatti i mass media tendono a puntare il dito su alcuni fatti – peraltro gravissimi, come la terra dei fuochi – e ad ignorare la realtà molto più diffusa.

Cominciando dall’inquinamento proveniente dall’agricoltura, per esempio.

Continuando con quello industriale, che contamina gravemente le falde acquifere e quindi, attraverso l’acquedotto, arriva nelle case di tutti noi. E a nulla serve la bollitura: infatti non si tratta di fare una disinfezione, uccidendo i batteri. Le sostanze contaminanti rimangono tranquillamente nonostante la bollitura, e quindi le ritroviamo in un piatto di pasta, in un minestrone o in qualsiasi altro alimento cucinato con acqua di rubinetto.

Le aziende acquedottistiche rilasciano dichiarazioni sulla sicurezza delle loro acque, garantite da controlli costanti. Ma ne siamo proprio sicuri?

Provate a riflettere con la vostra testa… e poi valutate se è possibile oggi fidarsi a occhi chiusi.

Quali conseguenze discendono da tutto ciò? Quelle che, purtroppo, sono sotto i nostri occhi. Tutti i giorni.

Le conseguenze… sono gravissime compromissioni della nostra salute.

È stato fatto anche un video per illustrare gli effetti dell’inquinamento dell’aria. E dall’aria all’acqua il passo è breve…

Anche l’Europa si è accorta del problema… ma, come spesso accade a Strasburgo, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare…

Cosa fare, allora?

La tecnologia ci viene in aiuto.

Infatti, come nel caso di questa nave si riescono ad ottenere risultati incredibili, così anche nel caso della depurazione dell’acqua la RICERCA SCIENTIFICA, applicata a SISTEMI TECNOLOGICI, riesce ad arrivare a prestazioni mai viste prima.

Vuoi saperne di più?

Restiamo in contatto!

{{Privy:Embed campaign=567140}}
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *